La bellezza di rimanere se stessi come a tre anni

Da qualche tempo a questa parte, la Pulcetta indossa soltanto abitini. Questi devono avere una o, ancor meglio, due caratteristiche: essere rosa o “fuxial” e poter fare la ruota. Ciò significa che debbano poterle consentire di volteggiare come una derviscia  ubriaca fino allo sfinimento.

Confesso che, non essendo lei particolarmente entusiasta di andare a scuola, io, madre perfida, utilizzo questo suo vezzo come stratagemma per andarci a preparare: “Andiamo a scegliere un bel vestitino dall’armadio?” E così, la scelta dell’abito, e’ diventata un rito mattutino.

I suddetti abitini, inoltre, vanno indossati ossessivamente per due o tre giorni, a sprezzo delle macchie di  pasto vegetariano dispensato al nido. In più, malgrado la Pulcetta stia apprendendo a scuola il concetto di primavera e di stagione, i vestiti che indossa, evidentemente non sono soggetti alle regole della stagionalità e, così, la si può vedere indossare un giorno un bel prendisole estivo che la sua sempre più perfida madre ha un po’ rovinato con un bel lupetto e una calzamaglia sotto. O anche un abitino rosa con le maniche corte e un paio di collant blu, che anche gli accoppiamenti sono roba sua.

Ora devo dire che le prime volte litigavamo da matti. Anche perché l’atteggiamento non cambia a seconda se si sta per andare a scuola,  dai nonni, a una festicciola fra bambini o al parco.  E, da brava adulta, mi vergognavo un po’ di far andare mia figlia in giro con degli accoppiamenti che neanche ad un rave su una spiaggia di Goa. Poi ho smesso perché ho capito che per lei era davvero importante.

Stamattina, di fronte all’armadio e al dilemma su quale vestito indossare, vedo una camicina che a me piace moltissimo e che non ha mai indossato. Così le dico: “Però dovresti mettere questa camicia, Pulci, non l’hai mai messa.” “No, non me la metto perché ce l’ha Lulli e io non voglio essere come…” “Adesso mi dice: come Lulli” penso io. E invece no:”…come nessuno!” Mi allontano per raccontare a Stoike quello che ha appena detto la nostra treenne. Tornando la trovo che gioca col cuscino e mi rincara la dose:”Io voglio essere come me!”, mi dice decisa.

Ecco: quando è che perdiamo questa voglia di essere noi stessi? Quando ci dimentichiamo che la bellezza e’ dentro di noi? Che siamo unici? Che non ci sono canoni estetici a cui aderire, modelli a cui somigliare?

image

Questo post partecipa al blogstorming

 

Annunci

13 pensieri su “La bellezza di rimanere se stessi come a tre anni

  1. cara il tuo post mi ha fatto riflettere su quando forse tra un anno sara’ mia figlia a dirmi queste cose e allora il mio dubbio è cosa rispondere a queste menti che vanno a 300 km orari, che sanno spiazzarti in un nano secondo e sanno metterti in discussione tutta la vita?

    Mi piace

    • Premesso che quello che mi preoccupa più di tutto, se è possibile, e’ il “metterci in discussione tutta la vita”, come dici bene tu, ti dico che io ho capito che devo lasciarla essere quello che vuole, senza litigi e risposte da parte mia. Forse è un loro modi di affermarsi, non credi? …uff che fatica però! ^_^

      Mi piace

  2. Ciao! Ti ho appena scoperta e sto leggiucchiando i vari post : mi piace questo luogo! Per me è ancora presto, mia figlia è ancora una lattante: ma da quando ho memoria mia madre mi ha sempre lasciato scegliere i vestiti da sola, cosa che mi ha portato a sviluppare uno stile molto personale e un certo sprezzo del pericolo stravaganza e accostamenti insoliti, oltre che un guardaroba che non teme i cambiamenti delle mode 😉 . Spero di riuscire a farlo a mia volta con la mia bimba, lasciandola libera di seguire le sue inclinazioni e i suoi gusti!

    Mi piace

    • Ciao e benvenuta, Badialima. Sai che, da quello che dice mia madre, anche io a tre anni non solo sceglievo i miei vestiti da sola, ma pretendevo di cambiare vestito sei, sette volte al giorno (per la sua felicità!). Però, anche se ho poi scelto più che altro da sola e io e mia madre abbiamo gusti diversissimi, sono diventata una specie di maschiaccio spesso in jeans e sneakers. Anche se poi mi piace moltissimo vestirmi bene e in maniera molto femminile. Chissà come saranno le nostre bimbe da grandi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...