Primavera: cose che arrivano, cose che vanno

Anche la Pasqua e’ andata via. E il compleanno del Tigre, a fine marzo. E quello della Pulcetta, due settimane fa. E anche la festa-merenda con dieci compagnetti e quattordici genitori, organizzata per il sabato pre pasquale in modo da avere con noi il compagnetto preferito del Tigre che sta un week end con la mamma e uno con il papà.

Siamo appena usciti – indenni- anche dal venticinque aprile con relativo ponte.
E Mentre la Pulcetta e’ tutta presa dai suoi abitini e idee di bellezza (“Mamma giochiamo alle sirene di Peter Pan?” “Si, Pulcetta e come si gioca?” ” Che si sta su uno scoglio e ci si pettina” “Aaaah”), il Tigre e’ immerso con il corpo e con la mente nella sua passione per i rettili.

Questa febbre ha la sua origine, credo, un po’ nell’interesse, ormai quasi consumato, per i dinosauri (che come le vecchie fiamme, però, ogni tanto ritornano e allora almeno un po’ di tempo assieme bisogna passarlo). E un po’ nella sua curiosità per il mondo animale in genere.
Senza che il film di Rapunzel lo abbia minimamente interessato, il Tigre e’ invece arrivato all’amore per i camaleonti attraverso delle bustine di quelle che si acquistano in edicola, comprate, per altro, anche un po’ per caso.
Da li’ alla passione smodata per questi piccoli animaletti il passo e’ stato davvero breve e da quel giorno siamo andati alla ricerca di giocattoli che potessero avere qualcosa a che vedere con i camaleonti.
Si da il caso, però, che, pur essendo il mercato delle cose per bambini vastissimo e noi genitori, come ormai tutti abbiamo imparato, dobbiamo essere accortissimi/furbissimi/avvedutissimi (e pur così il negozio di giocattoli, la pubblicità, l’edicola ci frega), no, questi geniacci che confezionano emerite stupidaggini per costruirci un marketing attorno a uso e consumo dei nostri figli e (per quanto riguarda il consumo) dei nostri portafogli, non hanno ancora pensato che i camaleonti possano essere oggetto d’interesse di un quattrenne o su di li’.
E quindi hai voglia, per il povero Tigre a cercare camaleonti giocattolo. Però con quei due che eravamo riusciti a trovare in edicola prima che la collezione sparisse per lasciare spazio subitaneamente a quella degli “scorpioni e animali con le chele” e a quella dei ragni, abbiamo costruito molti biotopi immaginari durante tanti pomeriggi.

Alla fine, io e Stoike abbiamo capito che, per il suo compleanno, nessun giocattolo lo avrebbe reso altrettanto contento di un vero camaleonte. E così adesso abbiamo due simpatici e tranquilli coinquilini (mangiatori di grilli vivi!): Jack e Bisonta. Anzi quattro, perché anche alla Pulcetta dovevamo regalare degli animaletti, no? E così anche Rosi e Sibo, due diamantini, sono diventati dei nostri!

Bisonta

Bisonta

Adesso ci aspetta la primavera, qualche gita al mare o in campagna che è quello che piace di più ai miei bambini. E poi i viaggi, la scuola pubblica e chissà cos’altro: con i bambini non si può mai sapere!

Annunci

6 pensieri su “Primavera: cose che arrivano, cose che vanno

  1. Animali domestici insoliti, i camaleonti! Ho dovuto cercare cosa fossero i diamantini, invece… Li tenete in gabbia? Come funziona? A me piacerebbe moltissimo un pappagallo, in futuro, ma non credo sia compatibile con i felini ed è un impegno che dura quasi una vita, dal momento che vivono anche fino a 50 anni! E poi bisogna fare i conti con l’etica… Insomma non è così facile. Noi, con due cani e due gatti all’attivo siamo al completo, ma chissà che cosa ci riserverà il futuro, magari anche la mia mostrerà una passione per i rettili o gli uccellini, e ci dovremo adattare… L’unica cosa che non sopporterei sono i roditori… speriamo bene!

    Mi piace

    • I conti con l’etica: hai messo il dito nella piaga. Si, li teniamo in gabbia. Che per quanto grande e’ sempre una gabbia. Sai, questo post nasceva da una riflessione che poi mi ha portato lontano e cioè che i figli da una parte ci abbrutiscono (quando passiamo le notti in bianco per loro, quando rubano tutto il nostro tempo perché sono davvero piccoli), ma dall’altra parte ci migliorano: io ad esempio, anche se amo molto gli animali, non pensavo di potermi affezionare a dei camaleonti! Certo voi siete già fortunati a poter tenere degli animali che in genere e’ difficile tenere in appartamento.

      Mi piace

      • Guarda, più che fortunati siamo incoscienti… Tutto è iniziato con i due gatti, poi si sono aggiunti i cani, poi ho iniziato a fare volontariato e quindi abbiamo avuto vari transiti per casa per stalli temporanei, che abbiamo sospeso da quando c’è la bimba. Viviamo in una nuvola di peli, alle prese con mangime, giri fuori con qualunque tempo e vacanze organizzate ad hoc… ma un po’ come succede con i bambini, il sacrificio è ampiamente ricompensato. Certo, la gente ci guarda come se fossimo dei marziani quando raccontiamo delle nostre vite. Noi ci si fa una risata e si risponde che non sentiamo la mancanza della televisione, con tutti i siparietti che si tengono quotidianamente in casa nostra 😀

        Mi piace

      • Che bello che deve essere per la vostra bimba! E si, dai, anche per voi! Che, come dici tu, poi ti ricompensano alla grande! Ps: mentre rispondevo al tuo commento la Pulcetta mi ha chiesto se le faccio tenere una pecora. Mi devo preoccupare?

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...