Whatsapp per le mamme della scuola

“Martedì e venerdì giorni della frutta”, aveva detto la maestra alla prima riunione.

Lunedì sera, ore ventitré, fischiettio e messaggio: “Ma il martedì della frutta comincia da domani?”
Martedì mattina ore sette e trenta, fischiettio e messaggio: “oggi frutta?”, fischiettio e messaggio:”Si”.
Fischiettio e messaggio: “Mia figlia mela”, fischiettio e messaggio: “la mia pera”, “il mio banana”, “Riccardo pesca”, “Vittoria kiwi”, “Lorenzo uva”

Me ne avevano parlato ed ero molto curiosa. Poi, ancor prima del primo giorno di scuola, alla prima riunione con la maestra, la futura rappresentante di classe mi inserisce nella chat.

Pensavo fosse un aiuto pratico per le mamme. “Qualcuno sa dirmi dove si trova l’astuccio da trentasei colori che ha chiesto la maestra?”. E invece no. Invece è spesso un insulso gorgo di parole.

Un non luogo dove l’adulto diventa lo studente di materna che in realtà in quel momento è suo figlio. Un’irresistibile attrazione a curiosare inutili ciance.

Annunci

6 pensieri su “Whatsapp per le mamme della scuola

    • Anche a me: mi diverte proprio! Sarà che sono fuori dal mondo, ma leggere una che dice che deve andare “da un notaio a fare un trattamento” e quell’altra (Notare che ancora non si conoscono, ma si messaggiano come delle dissennate) che chiede:”un trattamento da un notaio?” E la prima:”si, le faccio un trattamento snellente con i fanghi, il tutto a casa sua che le viene più comodo!” (Insomma fa l’estetista a domicilio) mi fa sballare! ^_^

      Mi piace

      • Sorprendente! Ma sono solo le madri a occuparsi di queste cose? E a fare le figure delle eterne bambine? Sono acida perché vedo cose simili nella nostra scuola e ogni tanto contribuisco!

        Mi piace

      • Cioè, ti chiedi se i papà sono altrettanto…”bambini”? Non lo so, dalla chat della classe del Tigre sono stati esclusi gli uomini, tranne quelli le cui mogli non hanno ancora whatsapp. E solo in attesa che queste ultime si adeguino. Però quei pochi sono un po’ più tranquilli.

        Mi piace

  1. Hai davvero ragione!
    Mi sa che a turno tutte noi mamme prima o poi c passiamo attraverso. ..credo che il problema si risolva intorno alle medie. Ma si possono prendere alcune precauzioni per non soccombere nel frattempo 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...